29 September, 2014

Sìadv chiude l’anno fiscale 2014 in positivo confermando il trend di crescita

Sìadv Digital Media Solutions (www.siadv.it), la concessionaria di pubblicità digitale che fa capo a Casa.it (Rea Group Ltd-News Corp. di Rupert Murdoch) specializzata nella creazione di soluzioni su misura per la pianificazione online, negli ultimi 3 anni ha quadruplicato le sue revenues, registrando un trend di crescita anno su anno in media del 52%.

Con questo importante risultato, Sìadv conferma ulteriormente la capacità di raggiungere target trasversali e sempre più diversificati grazie ad un’offerta sempre più completa e specializzata e al suo network di editori. Infatti, a conferma della sua continua crescita, anche per il prossimo anno Sìadv prevede di allargare il proprio team con l’ingresso di nuove figure sempre più specializzate nei progetti digital.

 “Siamo molto orgogliosi di questo risultato, che conferma ancora una volta il successo e l’impegno di Sìadv nell’offrire ai nostri partner servizi ad hoc per ottenere il massimo da ogni progetto di comunicazione online”, commenta Fabiano Lazzarini, Media & Strategy manager di Casa.it.

“Siamo certi che continueremo a consolidare la nostra crescita e a specializzarci sempre di più nell’offerta pubblicitaria, grazie anche all’impulso che ci verrà dato dall’utilizzo del Programmatic Buying che, anche se in Italia non é ancora del tutto affermato, rappresenta a nostro avviso la maggiore opportunità di crescita per Sìadv. In tal senso, è per noi fondamentale poter contare sul know how trasmessoci dalla nostra casa madre australiana REA Group, che già da tempo utilizza queste innovative piattaforme di Programmatic buying già affermato nel mercato australiano.”

Grazie alla nostra consolidata esperienza nel digitale e alla capacità di raggiungere target trasversali, possibile grazie all’analisi dei Big Data che ci consente di profilare gli utenti, siamo in grado di garantire alle aziende risultati efficaci e coerenti con la loro strategia pubblicitaria e di marketing”. conclude Lazzarini